mercoledì 30 marzo 2011

Meet me in Montauk


Resto sempre affascinato da come la mente riesca a creare collegamenti in modo apparentemente casuale. Oggi stavo guardando il panorama scorrere fuori dal finestrino e ad ogni chilometro qualcosa risvegliava un ricordo, fino a che questa carrellata mi ha riportato alla mente un film decisamente a tema: Eternal sunshine of the spotless mind.


C'è un che di molto zen nel dover star fermi e sorridere mentre ciò in cui hai creduto e per cui hai faticato per anni ti viene strappato pezzetto per pezzetto con fredda e chirurgica precisione, quasi con un pizzico di quelle candida crudeltà che hanno i bambini quando staccano le ali alle mosche...


Constantly talking isn't necessarily communicating.

Maybe you can find yourself a nice antique rocking chair to die in.

How happy is the blameless vestal's lot!
The world forgetting, by the world forgot
Eternal sunshine of the spotless mind!
Each pray'r accepted, and each wish resign'd.


3 commenti:

  1. Conoscevo un bimbo (il mio ex) che si divertiva anni or sono a catturare e uccidere delle povere lucertoline ma lo faceva in un modo così "singolare" che quando me l'ha raccontato ho deciso che non avrei mai voluto un figlio da lui
    :)

    RispondiElimina
  2. Infatti è diventato un ex non per niente... ;-)

    RispondiElimina
  3. utente anonimo10 luglio 2011 22:54

    potrei averlo scritto io. Mi dispiace, non so che altro dire ma ti capisco.

    RispondiElimina